07 ottobre 2006

Informazione

Il nostro mondo è troppo grande e complesso per averne una conoscenza diretta. Le informazioni che caratterizzavano la vita in passato erano oggettive. La vita era incentrata nel luogo dove si viveva, le esperienze, le conoscenze si toccavano in prima persona. Oggi con sole due tre generazioni di differenza, il nostro mondo è cresciuto a dismisura e con lui le sue complessità. Le esperienze dirette si sono ridotte di molto, la grande maggioranza di informazione arriva da Televisione , Giornali, Libri. Quindi la nostra conoscenza è mediata da altri. La domanda che mi sorge oggi è, ma quanto sono attendibili questi altri?
Quanto pesantemente interpretano al posto mio?

Alcuni links per riflettere:
Platone il mito della caverna.
Il giorno che ha cambiato la storia recente.
Primi passi sulla Luna.

Nessun commento: